Exaprint adobe-stock
Exaprintadobe-stock

StopDown Studio – intervista radio

Intervista agli StopDown Studio per Juice Radio Italia

Samuel e Fabrizio dello StopDown Studio ci parlano del loro approccio al mondo della fotografia e del segreto per un ottimo metodo di lavoro in team, si conoscono da quando avevano 18 anni, collaborano da sempre. Cresciuti professionalmente insieme. 10 anni fa aperto lo studio, condividono lo spazio di lavoro da qualche anno con Giovanni Mauro, e Nicola Napoli.

Gli StopDown Studio ci dicono:

Ci occupiamo di fotografia (principalmente) e post produzione specializzandoci sempre più sull’advertising e poi anche fotografia interior, progetti personali ecc…

Conosciamo tanti artisti che preferiscono lavorare soli. Il lavoro di gruppo porta via del tempo però al contempo c’è il valore aggiunto dei punti di vista che si sommano. Dipende dalle teste.

Ci divertiamo tanto ma ci facciamo anche un gran mazzo!

Siamo entrarti in contatto col Creative Pro Show tramite la rete e poter vedere questi fantastici artisti ci ha dato l’input. Da lì abbiamo iniziato a capire anche le nostre potenzialità! Abbiamo studiato, abbiamo fatto mille esperimenti e poi abbiamo anche iniziato a fare tutorial, workshop.. insomma una lunga collaborazione. Il tutto poi si è concretizzato come relatori ufficiali.. ma noi ci consideriamo piccoli piccoli. Una bellissima esperienza. 

Movidiam: ci abbiamo impiegato 3 settimane intense, anche un mese compresa la progettazione. Avevamo dei tempi da rispettare… ci hanno chiamato 2 settimane prima di Natale per consegnare il lavoro il 24 di dicembre. Ci sono stati cambiamenti, variazioni.. e stato complesso.

Abbiamo fatto un briefing iniziale, progettazione, bozzetto… Giovanni ha buttato giù e schizzato delle idee. Sempre in comunicazione con loro (Londra) ci siamo divisi i compiti. Io e fabrizio ci siamo occupati degli scatti, Giovanni la parte 3D , Nicola Napoli la parte di compositing.
Si procedeva in parallelo.

The Heist: abbiamo cambiato sede e abbiamo iniziato a lavorare insieme. Al posto di questa sede c’era una banca (abbiamo ancora il tornello d’ingresso) e dovevamo far capire alla popolazione che la banca non c’era più.. così nasce l’idea di “The Heist” e da qui è nata la parte del claim “non puoi copiare la creatività

I progetti personali sono fondamentali, ti permettono di non avere paletti e puoi sfruttarli al massimo facendo mille esperimenti. Datevi comunque sempre delle deadline anche per i vostri progetti. Noi per primi abbiamo progetti fermi ma a volte ci vuole lo spirito giusto.

Chi non fa rete perde un sacco di cose, un sacco di belle serate. Si perde una gran figata che è quella di girare, conoscere. La rete ti sostiene quando hai bisogno un consiglio grazie ai colleghi, ti serve per trovare lavoro… un continuo generarsi di cose.

Il fotografo è fotografo dal momento in cui paga le tasse perché se paghi le tasse devi vivere di quello e quindi avere le competenze per farlo. Noi ci abbiamo messo parecchi anni! Abbiamo iniziato intorno ai 20 anni: il primo studio nel 2007… e dopo 7 anni ci siamo sentiti pronti. Prima noi lavoravamo in un negozio di fotografia! In generale bisogna studiare tanto, bisogna formarsi.

Ascolta il podcast dell’intervista agli StopDown Studio


Article Categories:
Interviste
Likes:
2 Piace!
13

Docente di informatica, computer grafica e web presso l'Università Europea del Design di Pescara, speaker per Juice Radio Italia e 90 Network nel tempo libero, softgunner per passione, un filo d'olio e il piatto è pronto, buon appetito!

Loading Facebook Comments ...

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi