Exaprint adobe-stock
Exaprint adobe-stock

In anteprima il nuovo tasto “NON MI PIACE”

Come avevamo spiegato tempo fa in un altro articolo ( qui ) ecco come ci aveva lasciati Mark Zuckemberg:

Qualcuno ha chiesto di potere avere un tasto “Non mi piace” perché vuole avere la possibilità di dire “Questa cosa non va bene”. Pensiamo che una simile soluzione non sia buona per nessuno, quindi non introdurremo un tasto “Non mi piace”. Non penso che ci debba essere un meccanismo di voto per stabilire se un determinato post sia valido o scadente.

Facebook ha “finalmente deciso di ascoltarvi e stiamo lavorando su questo e vi presenteremo qualcosa che risponda alle esigenze di una comunità più grande.

 

Ecco a voi l’anteprima del nuovo pulsante non mi piace (o pulsante antipatia) di Facebook. Ops: ma quanti ne sono? E quel tasto “love” è molto molto familiare!

2

non mi piace Probabilmente quello che tutti avevano in mente era un classico pollice in giù per comunicare “dislike”. Niente di tutto questo. Oltre alla classica manina in su “rivisitata” e al tasto “Love” che comunicherebbe un maggior attaccamento emozionale rispetto al pollice in su (quante volte avete detto:”metterei anche più like se potessi”) troviamo una serie di faccine che finalmente riuscirebbero ad identificare meglio il nostro stato d’animo: “Haha”, “Yay”, “Wow”, “Sad” e “Angry” che non hanno bisogno di particolari spiegazioni.

 

Come ogni cosa rimangono i dubbi: sarà stata una buona mossa? Sicuramente la voce degli utenti ha avuto ascolto e come al solito si è riusciti a trovare un buon compromesso. Il fatto che aumentino faccine ed elementi in movime2nto in realtà non ci piace. No, non ci piace affatto.

 

aaaaa

E le campagne ads?

Fortunatamente, come abbiamo previsto anche in diversi articoli, la possibilità di inserire il proprio stato d’animo non sarà applicato alle campagne adv facebook e quindi non potranno esserci effetti negativi sulle campagne pubblicitarie. nessuno avrà la possibilità di valutarle negativamente e quindi non ci saranno rischi!

Tra l’altro sembra che gli inserzionisti possano raccogliere i dati delle “emoticons” facebook direttamente dal post, riuscendo quindi -addirittura- a migliorare la qualità degli input provenienti dagli utenti.

Tutto da vedere: probabilmente potrà risultare complicato gestire più dati e magari creare una campagna diventerà più impegnativo.

SICURAMENTE nei prossimi giorni verrà in nostro aiuto l’esperto social media Simone Stricelli e ci spiegherà tutto nel particolare.

Simoneeee ti aspettiamo!

Intanto per non perdere nessun articolo e nessuna novità iscrivetevi alla NEWSLETTER >> QUI 

 

 

Non fai parte della community Facebook de “I Pirati Grafici”? Sei pazzo? CLICCA QUI e raggiungici sulla nave!

 

Per approfondire ecco un video di Mark Zuckemberg CLICCA QUI

 

 


Article Tags:
· · · · · · · ·
Article Categories:
Novità · Social media marketing
Likes:
1
123
http://www.ipirati.net

Admin [pAt] - Founder & Ceo at ipirati.net - Creative director - Graphic designer freelance from 2009 - Blogger - Team Manager. Contatti: pat@ipirati.net

Comments

Loading Facebook Comments ...

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi